Marula Fruit Festival


AURUM Africa:
una giornata speciale in Namibia

per documentare con immagini e video
l’Omagongo Cultural Festival
 

In collaborazione con Air Namibia e l’Ente per il Turismo della Namibia, sabato 26 maggio AURUM Africa ha partecipato all’Omagongo Cultural Festival, evento inserito dall’Unesco nell’elenco delle manifestazioni culturali Patrimonio dell’Umanità (https://ich.unesco.org/en/RL/oshituthi-shomagongo-marula-fruit-festival-01089), più conosciuto a livello internazionale come Marula Fruit Festival.

A ospitare questa edizione presso la propria residenza nel villaggio di Onalushwa nel nord della Namibia, è stato Tk. Josia Shikongo Taaopopi, re degli Uukwaluudhi, una delle 8 sotto tribù Ovambo unite nell’occasione per la produzione e il consumo di Omagongo, bevanda alcoolica ottenuta dai frutti di Marula.

Promuovere lo sviluppo attraverso il patrimonio culturale è stato il filo conduttore del Marula Fruit Festival 2018 che ha avuto come ospite d’onore Sam Nujoma, padre fondatore della Namibia indipendente e suo primo Presidente, nonché ideatore dell’Omagongo Cultural Festival.

Oltre 5.000 le persone presenti appartenenti a diversi gruppi etnici provenienti dalle varie regioni della Namibia. Sia uomini che donne, vestiti nei loro colorati abiti tradizionali.

Nella tribuna d’onore, una grande tenda, insieme al re seduto su un trono adornato con corna di kudu e con ai piedi una pelle di leone, alla regina, Naandjali Taapopi e a Sam Nujoma, anche Hifikepunye Pohamba, (ex Presidente), Nangolo Mbumba (Vice Presidente), Saara Kuugongelwa-Amadhila (Primo Ministro), Peya Mushelenga (Ministro dello Sviluppo Urbano e Rurale) e Katrina Hanse-Himarwa (Ministro Cultura, Arte ed Educazione).

Nei giorni precedenti al Festival gli uomini hanno prodotto e scolpito le tradizionali tazze in legno da cui si beve l’Omagongo e hanno realizzato piccoli strumenti artigianali (fatti con corno di animali) utili alle donne per lavorare il frutto di Marula e per ottenere la bevanda.

Le donne, dal canto loro, hanno torniato a mano i vasi in terracotta nei quali hanno lasciato fermentare il succo di Marula per tre giorni. Gli stessi contenitori, pieni di Omagongo, hanno sfilato sulla testa di un centinaio di donne in onore del re e dei suoi invitati, prima di essere riposti sulle tavole di un buffet decisamente reale servito nel corso del Festival.

Uno spettacolo con canti e balli tradizionali proposto dal gruppo culturale Tjekushwana attorno a un piccolo albero di Marula per mostrare ai presenti i processo di produzione dell’Omagongo, ha dato inizio alla manifestazione.

A seguire, gli interventi istituzionali durante i quali è stata ribadita l’importanza di preservare le tradizioni e la cultura di etnie tuttora considerate culle dell’umanità.

Il Festival è continuato con un ricco banchetto, ettolitri di Omagongo, intrattenimenti musicali ed esibizioni live durante le quali la folla in allegria si è scatenata in canti e danze sotto il caldo sole della Namibia!

AURUM Africa dà appuntamento al Marula Fuit Festival 2019 in programma a Ongandjera, nel nord della Namibia.

 

L’Omagongo

L’Omagongo è una bevanda alcolica tradizionale delle aree in cui cresce l’albero di Marula.

E’ prodotta con il succo ottenuto dai frutti di Marula lasciato fermentare in appositi contenitori di terracotta per 3 giorni. Dopo la fermentazione, il liquido diventa chiaro ed è pronto per il consumo.

La bevanda ha un alto contenuto di vitamina C e un contenuto alcoolico inferiore ai 15 gradi.